sabato 19 agosto 2017

ESTATE 2017. IL FENOMENO DEGLI ABBANDONI ACQUATICI

Milano (19 agosto 2017) - Oltre a cani e gatti vi sono altri tipi di abbandoni di animali di cui pochi parlano,anzi quasi nessuno, anche perchè di fatto è impossibile quantificare numericamente il numero degli animali abbandonati. Stiamo parlando dei cosi detti abbandoni acquatici, o meglio di coloro che prima di partire per le vacanza abbandonano la tartaruga d'acqua (sono migliaia ogni anno) o di coloro che nel buio della notte versano il contenuto di centinaia di acquari nelle acque dei fiumi e dei canali italiani (vedi il ritrovamento dei piranha vicino al Po) cosi che le ultime "scale dei pesci" presentano per fiumi quali il Po ed il Ticino, ma anche l'Adda e l'Oglio per citarne alcuni almeno 140 qualità e specie di pesci non autoctoni, quindi pesci che sono stati abbandonati, compreso in qualche caso anche i pesci tropicali che comunque sono destinati a vita breve a causa della temperatura non elevatissima delle acque dei nostri fiumi. 

CASALMAGGIORE. FA MORIRE IL PIRANHA ASSIDERATO. ESPOSTO IN PROCURA

CASALMAGGIORE (19 Agosto 2017) - Un esposto alla procura della repubblica di Cremona è stato inviato questa mattina dal presidente dell'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente - AIDAA in merito alla morte per assideramento del pesce Piranha avvenuta nei giorni scorsi a Casalmaggiore. Secondo quanto accertato dai volontari dell'associazione un pescatore ottantenne del posto Carlo Gradella avrebbe pescato un magnifico esemplare di piranha rosso (pesce vorace e tropicale che avrebbe resistito nelle acque della zona grazie alle alte temperature dei giorni scorsi)  del peso di 560 grammi nel canale Galasso tra Colorno ed il Po. Il pescatore però forse ignaro che quello pescato fosse un piranha ha visto bene di mettere il pesce in un secchio di acqua fredda del rubinetto provocando cosi l'assideramento del pesce che solo in serata (e gia morto) è stato consegnato all'Acquario del Po. "Sicuramente si tratta di un pesce lasciato libero da qualcuno partito per le vacanze, perchè a differenza di altri pesci che sopravvivono anche nelle acque dei nosti fiumi il Piranha ha bisogno di acque molto calde per sopravvivere, quindi questo e forse altri esemplari sono stati abbandonati presumibilmente da pochi giorni- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA ed ex consigliere di amministrazione del Consorzio Est Ticino Villoresi- noi abbiamo presentato un esposto sia per verificare la eventuale presenza di altri pesci tropicali ma sopratutto per verificare se il pescatore non ha violato le norme previste dal regolamento di pesca della zona che prevede appunto il divieto in alcuni tratti di quel canale e sopratutto perchè quando si pescano pesci non conosciuti non si lasciano morire assiderati ma si chiamano subito le autorità per consegnare l'esemplare e per permettere immediate verifiche nella zona".
il direttore dell'acquario del po e il piranha oramai morto assiderato.

venerdì 18 agosto 2017

ORSA KJ2 AIDAA INTEGRA DENUNCIA

ORSA KJ2. AIDAA PRESENTA INTEGRAZIONE ESPOSTO DENUNCIA
Trento (18 agosto 2017) - L'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente a seguito dell'apertura ufficiale di un inchiesta per la morte di KJ2 per il reato di Uccisione di animale senza necessità ha inviato nella giornata di oggi direttamente al procuratore della repubblica di Trento Marco Gallina un integrazione all'esposto dello scorso 24 luglio sull'aggressione all'orsa KJ2,nell'integrazione che si rende necessaria tecnicamente per poter dar corso a quanto contenuto nel primo esposto il presidente di AIDAA Lorenzo Croce chiede di essere altresi sentito gia nei prossimi giorni al fine di poter fornire le informazioni in suo possesso. 
L'INTEGRAZIONE INVIATA OGGI


L'ESPOSTO INTEGRATO

ORSA. PROCURA TRENTO APRE INCHIESTA


(ANSA) - TRENTO, 18 AGO - Aperto dalla Procura di Trento un fascicolo a carico di ignoti in relazione all'abbattimento dell'orsa KJ2 disposto dalla Provincia autonoma di Trento. Il reato ipotizzato è quello di uccisione di animali senza necessità.

    L'inchiesta è stata avviata dopo la presentazione di una relazione redatta dal Corpo forestale provinciale in cui vengono precisati i motivi dell'abbattimento. Secondo i forestali, alla base dell'intervento c'era il rischio di non potere salvaguardare la salute pubblica di fronte alle possibili nuove aggressioni da parte del plantigrado. Inoltre, pare ci fossero problemi tecnici per provvedere all'eventuale cattura in quanto sarebbe stato difficile avvicinare l'animale in modo da sedarlo. Sarà ora il procuratore di Trento Marco Gallina ad esaminare la relazione.


L'ESPOSTO AIDAA

ORSA KJ2 AIDAA SCRIVE A TAJANI. IL PARLAMENTO EUROPEO CONDANNI L'OMICIDIO

Trento (18 agosto 2017) Dopo la giornata di silenzio e di lutto per la morte dell'Orsa KJ2 uccisa sabato scorso su ordine del presidente della provincia di Trento Ugo Rossi, oggi il presidente di AIDAA Lorenzo Croce ha firmato una lettera inviata al presidente del Parlamento Europeo Antonio Tajani con la quale il presidente di AIDAA dopo aver ripercorso tutta la vicenda dell'orsa KJ2 che ha portato dall'aggressione subita dall'orsa da parte di un settantenne che l'aveva presa a bastonate e fatta passare per un aggressione dell'orsa verso l'uomo fino al "criminale ordine di cattura e di uccisione firmato dal presidente della provincia di Trento Ugo Rossi, che ha portato alla morte dell'orsa presa a fucilate sabato scorso e messo in grave rischio la sopravvivenza dei due cuccioli" chiede che il Parlamento Europeo si esprima su quanto accaduto "condannando senza se  e senza ma il folle gesto del presidente della provincia di Trento che firmando il decreto di uccisione di KJ2  non sono ha permesso l'uccisione di un orso innocente ma ha anche messo a repentaglio in piano di ripopolamento degli orsi finanziato proprio dall'Unione Europea". 

CANE NELLA SUA CACCA A MEZZANI

QUEST'ALTRO CANE E' TENUTO IN CONDIZIONI PIETOSE SUL TERRAZZO DI UNA CASA A MEZZANI IN PROVINCIA DI PERUGIA. IN CORSO GLI ACCERTAMENTI.

GROSSETO CANE TENUTO A CATENA

ancora cani tenuti in cattive condizioni, questo si trova a grosseto, abbiamo segnalato la cosa alla polizia locale che ha garantito in tempi rapidi il suo intervento. stiamo a vedere.

I DUE CUCCIOLI DI KJ2 POTREBBERO MORIRE

Inutile girarci intorno i due cuccioli dell'orsa KJ2 hanno circa il 50% di possibilità di sopravvivere, infatti i cuccioli sono due e sono nati otto mesi fa, e se in questi primi mesi hanno avuto le informazioni necessarie su come procurarsi il cibo, con l'arrivo dell'inverno vi saranno grosse difficoltà, infatti loro non faranno mai il primo letargo con la madre, ammazzata su ordine del presidente della provincia di Trento Ugo Rossi, e cosi facendo non potranno apprendere i meccanismi del letargo. Certo non è detto che per forza di cose i cuccioli possano soccombere, ma non è nemmeno certo che possano sopravvivere al prossimo inverno. Ora la sfida di questi cuccioli per questi mesi estivi ed autunnali è legata al reperimento del cibo, ma con l'arrivo della stagione avversa non è detto che riescano a sopravvivere, dalla mamma infatti non hanno potuto apprendere come trovare una tana che li dovrà ospitare per molti mesi, ma sopratutto non hanno avuto modo di apprendere ad allestire il rifugio che dovrà ospitarli. La loro vita dunque è fortemente a rischio.

CARMELO CURRO' LASCIA AIDAA

Dopo molti anni di stretta collaborazione, Carmelo Currò lascia l'associazione italiana difesa animali ed ambiente, la decisione è stata presa di comune accordo con il presidente nazionale Lorenzo Croce a seguito delle diverse vedute in merito alle politiche dell'associazione nel territorio dove opera Carmelo, ogni decisione sottolineano i due è stata presa tenendo conto del benessere dei pelosi della zona, e comunque il rapporto tra Croce e Currò non viene intaccato da questa decisione rimane infatti da parte di entrambi un forte senso di amicizia e di gratitudine per il lavoro svolto. Oggi le strade si dividono ma questo non cancella tutto quanto fatto in questi anni di proficua e reciproca collaborazione. 

mercoledì 16 agosto 2017

A LUGLIO OLTRE 3.00 CANI E GATTI AVVELENATI DAI PESTICIDI DOMESTICI

A LUGLIO OLTRE 3.00 CANI E GATTI AVVELENATI DAI PESTICIDI DOMESTICI

Roma (16 agosto 2017) Nessuna strage premeditata, qualche bruto in azione si, ma la stragrande maggioranza dei 2400 cani e degli 886 gatti avvelenati nei giorni dello scorso mese di luglio è stata vittima dei comuni pesticidi usati ogni giorno per le  faccende domestiche, dai veleni per le lumache alla candeggina o all'acido gettato per pulire i marciapiedi, animali che sono stati male e che in almeno il 40% dei casi sono morti tra atroci sofferenze. Certo ci sono anche  circa 1000 tra cani e gatti il mese scorso sono morti a causa dei bocconi avvelenati, una questione che la legge sancisce come reato, ma gli altri 3000 sono rimasti avvelenati dai pesticidi usati in casa per uccidere scarafaggi, lumache o semplicemente gli insetti. I pesticidi questi sono il vero nuovo nemico dei nostri animali domestici, un elenco lunghissimo di prodotti e principi attivi velenosi, che vanno ad unirsi ai bocconi da sempre usati per fare strage di cani e gatti randagi, ma questa volta gli avvelenamenti riguardano prevalentemente i cani e i gatti di casa. Tra le regioni con il maggior numero di cani e gatti avvelenati troviamo la Sicilia, la Puglia e la Lombardia seguita da Emilia Romagna e Lazio. "Sono sempre di piu i cani e i gatti che rimangono avvelenati e in molti casi muoiono a causa di un utilizzo sbagliato dei pesticidi e disinfettanti che contengono materie velenosissime per i cani e i gatti e che vengono usati comunemente anche per le faccende domestiche o sparse in cantine e giardini- ci dice Lorenzo CROCE- chiediamo al ministero della salute di rendere obbligatorio l'indicazione sulle confezioni di questi prodotti della pericolosità di avvelenamento per cani e gatti".

Bären KJ2 Tötung. Morgen einen Tag der Trauer

Bären KJ2 Tötung. Morgen einen Tag der Trauer


Trient, 16 August 2017 Einen nationalen Tag der Trauer für der Tod des Bären getötet durch Beschluss des Präsidenten der Provinz von KJ2 Trento Ugo Rossi am samstag 12 August von der italienischen Vereinigung der Tiere und morgen Donnerstag 17 August Umwelt-AIDAA, lädt alle Mitglieder und Tierfreunde gennant wurde, eine Kerze anzuzünden, in Erinnerung an symbolisch nutzlose Opfer. "Da hätten wir mit Daniza, sagt -Lorenzo Croce AIDAA Präsidenten - uns so wollen wir für der Tod von KJ2 für uns morgen ein Tag des Gedenkens für ihre und alle anderen Tiere werden in den letzen Jahren in eine nutzlose getötet"

AIDAA PROCLAMA DOMANI GIORNATA DI LUTTO PER MORTE KJ2

Trento (16 Agosto 2017) - Una giornata di lutto nazionale per la morte dell'orsa KJ2 uccisa su ordine del presidente della provincia di Trento Ugo Rossi nella giornata di sabato 12 agosto è stata indetta per domani giovedi 17 dall'Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente - AIDAA che invita tutti i soci e gli amanti degli animali ad accendere simbolicamente un cero a ricordo dell'inutile sacrificio. "Come abbiamo fatto con Daniza- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- cosi vogliamo fare per la morte di KJ2 per noi domani sarà un giorno di ricordo per lei e per tutti gli altri animali ammazzati in questi anni in maniera inutile".

REGGIO EMILIA CANE SUL BALCONE

Sono state 64 le segnalazioni giunte in questi giorni al servizio AIDAA SOS cani sul Balcone, ne citiamo una su tutte, quella relativa al cane tenuto in balcone da diverso tempo per il quale abbiamo avvertito i veterinari della ASL di Reggio Emilia

lunedì 14 agosto 2017

DOVE SONO I DUE CUCCIOLI DI KJ2?

Trento (14 AGOSTO 2017) - DICHIARAZIONE DEL PRESIDENTE DI AIDAA LORENZO CROCE: "L'orsa KJ2 barbaramente uccisa aveva due cuccioli, almeno cosi stanto alle notizie fornite in questi giorni, vogliamo sapere che questi cuccioli sono vivi e se sono stati messi in sicurezza, oppure se sono stati individuati e sono sotto monitoraggio, e comunque vogliamo sapere che fine hanno fatto e se la forestale ha notizie certe".

UCCISIONE ORSA. PRIME DISDETTE IN TRENTINO

UCCISIONE ORSA. PRIME DISDETTE IN TRENTINO

Trento (14 agosto 2017) - Iniziano le disdette agli alberghi ed alle case di vacanza in Trentino da parte dei turisti italiani, russi e francesi. Al momento sono una trentina le disdette di case ed alberghi per il periodo del post ferragosto  per un totale di circa un centinaio di turisti che hanno deciso di non passare le vacanze in Trentino e specificatamente nella provincia di Trento dopo la barbara uccisione dell'orsa KJ2 ordinata dal presidente della provincia Ugo Rossi con l'ordinanza firmata nei giorni scorsi. "Le segnalazioni di disdette immediate ma sopratutto di persone che hanno deciso di cambiare località sciistica per il prossimo inverno sono molte e ci arrivano di fatto alla media di tre o quattro ogni ora- ci dice Lorenzo Croce presidente AIDAA- pensiamo che il boicottaggio reale sia la prima iniziativa, ma chiederemo all'Europa ed al Governo di condannare ufficialmente questo assurdo ed inutile omicidio dell'orso la cui responsabilità ricade interamente sul presidente Rossi al quale avrò modo di dirlo personalmente a breve, ora però la nostra attenzione si rivolge ad altri sei o sette orsi- conclude Croce- che potrebbero rientrare nelle classificazioni di pericolosità previste dal decreto e quindi essere a rischio soppressione anche se speriamo non immediata".

AGGIORNAMENTO
Nonostante i responsabili del turismo si ostinino a sostenere che le disdette non ci sono o sono poche possiamo confermarvi che anche ieri un centinaio di persone hanno scritto dicendo che non metteranno piu piede in trentino.

COLLE UMBERTO CANI SUL TETTO

Non sappiamo per certo se vivono li sopra o se ci vanno semplicemente, comuque sia in entrambi i casi è pericoloso ed abbiamo avvisato la polizia veterinaria.

ACIREALE. CANE ALLA CATENA

Questo cane è tenuto alla catena ad Acireale, ma non ci hanno inviato l'indirizzo esatto di dove si trova se qualcuno avesse notizie. grazie di cuore. direttivo.aidaa@libero.it, oppure telefonare al 3511804615 tra le 9 e le 19.


SIRACUSA. CANE IN STATO DI SEMI ABBANDONO

Un cane in stato di semi abbandono è stato segnalato a Siracusa, purtroppo avendo il padrone non possiamo procedere direttamente ma solo attraverso la asp veterinaria che deve intervenire in qualità di polizia veterinaria successivamente provvederemo alla denuncia del proprietario.

LAVORI DI POTATURA IN PIAZZA FIRENZE

Questa mattina all'opera i potatori del consorzio Miami per sistemare gli alberi della zona di Piazza Firenze e della linea tramviaria 14 fino al cimitero Monumentale. 



PIAZZA SAN BABILA. SALVATA MANTIDE RELIGIOSA

Aveva paura e non voleva scendere dalla mano della sua salvatrice, questa mantide religiosa salvata in piazza San Babila nel cuore di Milano dalla nostra Claudia che dopo averla trasportata sulla sua mano l'ha fatta scendere in mezzo al verde. e la mantide, si è girata a salutare che l'aveva salvata dalle ruote delle auto che l'avrebbero schiacciata. 

NESPOLO. AIDAA CHIEDE INTERVENTO MINISTRO INTERNI

Una video telefonata con le autorità preposte è stata fatta nei giorni scorsi dal presidente nazionale di AIDAA Lorenzo Croce in relazione alla vicenda di Nespolo dove il sindaco consente a un suo amico di lasciare liberi di viaggiare per il paese i cani faceodno finta che sono randagi. Ora dopo una serie di denunce ed esposti di cittadini e della stessa asssociazione si sta mettendo mano alla michippatura dei cani di proprietà, ma Croce ha chiesto espressamente sanzioni da parte del ministero degli Interni e degli organi rapprensentativi intermedi nei confronti del sindaco del paese responsabile di violare le leggi di tutela degli animali. 

domenica 13 agosto 2017

ERA TENUTO COSI A 400 METRI DAL DUOMO DI MILANO (ORA IN SICUREZZA)


questo cane era tenuto in queste condizioni su un balcone interno di un palazzo nel cuore di Milano a meno di 400 metri da piazza Duomo. Siamo intervenuti il cane è in sicurezza domani partono le pratiche di sequestro.

LA MORTE DI KJ2 NON RESTERA' IMPUNITA

Trento (13 AGOSTO 2017) Lo avevamo scritto in un comunicato nei giorni scorsi che eravamo preoccupati per la vita dell'orsa KJ2 e purtroppo puntualmente quello che avevamo pensato si è avverato gli assassini hanno colpito ancora e ieri sera hanno ucciso KJ2 l'orsa che rappresentava a loro dire un pericolo per la comunità umana. AIDAA da subito sospende tutte le attività associative in segno di lutto per quanto accaduto ed invita tutti gli italiani al boicottare da subito i prodotti trentini, ed a disdire le vacanze o i soggiorni programmati nella provincia autonoma di Trento. A livello legale AIDAA domani stesso annuncerà le iniziative che intende mettere in pratica per contrastare questo fenomeno assurdo dell'abbattimento degli orsi (e in prospettiva dei lupi) ee per far condannare a livello europeo le attività assassine messe in pratica con i decreti del presidente Ugo Rossi. Durissimo i commento del presidente AIDAA Lorenzo Croce: "Ce lo aspettavamo e non hanno mancato di compiere l'ennesimo barbaro inutile omicidio, chi ha ordinato questo omicidio dell'orsa non è un uomo è un barbaro, comunque legalmente parlando l'uccisione di KJ2 non resterà impunita da subito via al boicottaggio e poi tutte le pratiche utili per fermare legalmente e isolare la mano assassina di animali di Ugo Rossi per il quale chiederemo anche la condanna del parlamento Europeo".




IL COMUNICATO DEGLI ASSASSINI DI KJ2

https://www.ufficiostampa.provincia.tn.it/Comunicati/Gestione-orso-e-sicurezza-abbattimento-nella-serata-di-ieri-dell-esemplare-pericoloso-KJ2

sabato 12 agosto 2017

CANE ALLA CATENA. INTERVIENE LA POLIZIA LOCALE

Ogni tanto qualche bella soddisfazione ce la togliamo anche noi. Nei giorni scorsi abbiamo segnalato la situazione di un cane tenuto  alla catena nel comune di Bagnacavallo, nel giro di 24 ore la polizia locale è intervenuta constatando la situazione e diffidando il proprietario del cane dal tenerlo a catena, entro dieci giorni infatti il proprietario dovrà costruire un apposito  e grande recinto dove il cane potrà scorazzare liberamente. quindi un grazie a questi agenti che sono intervenuti tempestivamente risolvendo il problema. 
era tenuto cosi ora avrà un recinto tutto suo

venerdì 11 agosto 2017

CANILE DI PALERMO. BERNINI SI PRENDE MERITI CHE NON HA...

Io capisco che l'onorevole Bernini sia in campagna elettorale, ma prendersi il merito della liberazione dei cani di Palermo è idiota oltre che falso. Bernini ha presentato un esposto e ora si prede dei meriti che non ha. Infatti ben prima di lui assocazioni e sopratutto i volontari di Palermo hanno fatto una battaglia per il canile di Palermo. La sua dichiatazione dove si prende il merito di aver salvato i cani offende innanzitutto le decine di volontari che hanno lavorato fin dal primo giorno rischiando in proprio per tutelare prima e liberare dopo i cani di Palermo e le centinaia di migliaia di italiani che li hanno sostenuti. Basta bugie Bernini vergognati.... 

UNA DONNA LA RESPONSABILE DELLA BOLLITURA DELLA GATTA?

Continua la nostra raccolta di informazioni attorno alla vicenda della gatta bollita e poi abbandonata nelle scorse settimane nella zona della Ghiacciaia di Castano Primo, dalle segnalazioni ricevute infatti sono emerse diverse scomparse di gatti nei paesi della zona compresa tra Inveruno, Magenta ed Abbiategrasso e Cassinetta di Lugagnano,una zona non molto ampia dalla quale secondo le testimonianze raccolte che stiamo vagliando sono scomparsi circa una ventina di gatti negli ultimi mesi, ma si sta anche delineando il possibile identikit della persona responsabile di questo orrore che da diverse indicazioni non escludiamo possa essere anche una donna, forse affetta da problemi psicologici e psichiatrici, questione già emersa negli anni scorsi in zone non lontane da quella indicata e del ritrovamento della gatta bollita e squartata, il motivo sarebbe da ricercare proprio nella gravidanza della gatta che verrebbe di volta volta uccisa in maniera atroce e diversa e in questo caso addirittura bollita.

giovedì 10 agosto 2017

CANILE DI PATTI. BERNINI DENUNCIATO PER FALSO E DIFFAMAZIONE

CANILE DI PATTI. AIDAA DENUNCIA L'ON BERNINI  (M5S) PER DIFFAMAZIONE E FALSO
Messina (10 agosto 2017) . Sulla vicenda del canile di Patti l'onorevole del M5S Paolo Bernini è andato troppo oltre, che ci fosse una situazione difficile lo sapevamo tutti, cosi come tutti coloro i quali avevano a cuore la struttura stavano lavorando per far si che la struttura fosse non solo migliorata ma autorizzata. L'on Paolo Bernini ha invece violato la legge entrando illegalmente in una struttura privata, scrivendo che voleva portare via dei cuccioli sottoposti a sequestro e non vaccinati mettendo a rischio la loro stessa vita oltre che violando la legge sul trasporto e traffico di esseri viventi. Non contento dopo aver dichiarato falsamente che la documentazione era nelle mani di una volontaria AIDAA ha postato dei video falsi, con dei fotomontaggi di video della struttura di diversi mesi ed anni fa. "Bernini ci spieghi come funzionava il traffico di cani di cui era a conoscenza e forse complice dei cani di razza sequestrati in Italia e riapparsi oltre confine per i quali sono stati versati donazioni ad un suo amico per centinaia di euro a cane, ci spieghi anche come potevano esserci i sigilli su una struttura che detiene cani comunali e che rappresenta di fatto una proprietà privata, del resto da chi nega l'esistenza di fatti come l'attacco di Pearl Harbur - ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- possiamo aspettarci di tutto, ci dica anche questo signore che abusa del suo ruolo parlamentare quando intende scusarsi con i signori a cui ha fatto ingiustamente sequestrare i cani e sveli le ombre del suo rapporto con l'ex presidente di Eital Colonna. Mai denuncia l'ho firmata con tanto piacere- conclude Croce- certa gente dovrebbe lavorare e guadagnarsi in pane invece di rubare i soldi in parlamento inventandosi canili lagher che non esistono solo a scopo di fare sensazione, mi domando cosa aspettano Grillo e Casaleggio a intervenire".

http://www.centopercentoanimalisti.mobi/antonio-colonna-e-paolo-bernini-i-vergognosi-altarini-del-sequestro-di-olgiate/

http://www.centopercentoanimalisti.mobi/paolo-bernini-un-bugiardo-del-m5s-e-il-gattile-lager-inventato-di-emma-bertolaso/

http://www.centopercentoanimalisti.mobi/prima-mazzata-animalista-per-bernini-m5s-e-colonna-di-eital/

http://www.ilrestodelcarlino.it/macerata/cronaca/bloccato-sequestro-cani-lager-1.1948183

http://www.ilgiorno.it/cronaca/cuccioli-silvana-1.1962398

DENUNCIATA ANGELA ASPA

Una denuncia per i reati di traffico di esseri viventi e truffa è stato depositato ieri ed inviato alla procura della repubblica di Messina nei confronti di Angela Aspa responsabile dell'associazione Randagioso con sede in via Marchesana 273 a Terme Vigliatore, la denuncia firmata dal presidente di AIDAA Lorenzo Croce allega alcune testimonianze vocali della signora Fenia Astone la quale sostiene che la signora Aspa raccoglie anzi per usare il termine esatto "si fotte i soldi raccolti con le cassettine che anzichè andare ai cani se li pappa lei" e che la signora in questione ha un traffico di cani con la Svizzera in particolare con la zona di Zurigo. Oltre alle testimonianze vocali sono allegati anche alcuni documenti che comprovano le accuse mosse contro la ASPA. 
ANGELA ASPA LA SECONDA DA SINISTRA GUARDANDO LA FOTO



BAGNACAVALLO. CANE ALLA CATENA

Abbiamo contattato la polizia locale di Bagnacavallo in provincia di Ravenna per segnalare la presenza di un cane alla catena in una frazione del paese. in Emilia Romagna è vietato tenere i cani alla catena per questo motivo abbiamo deciso di denunciare i proprietari.

LECCE. CANE ABBANDONATO SUL BALCONE. INTERVIENE AIDAA

Questo cane si trova abbandonato di fatto a se stesso a Guagnano in provincia di Lecce, dentro la casa pare vi sia anche un gattino abbandonato, da qui la nostra richiesta di intervento immediato alla polizia locale e la denuncia per maltrattamenti di animali a chi lascia i cani sul balcone. 

mercoledì 9 agosto 2017

AIDAA VA IN VACANZA

DA DOMANI 10 AGOSTO FINO A DOMENICA 19 AGOSTO L'ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE . AIDAA CHIUDE LE PROPRIE ATTIVITA' TRANNE QUELLE DI ASSISTENZA DIRETTA AGLI ANIMALI E IL SERVIZIO SEGNALAZIONE SPIAGGE E CANI SUI BALCONI CI RITROVIAMO LUNEDI 20 BUONE VACANZE A TUTTI

PALLANZA. METTE I CHIODI SUL CANCELLO PER FAR MALE AI GATTI. DENUNCIATO

Verbania ( 9 agosto 2017) - Aveva messo sul suo cancello una bandana di chiodi con lo scopo di far del male ai gatti, ma nonostante l'intervento della polizia locale che lo ha diffidato, se ne è fregato e ha rimesso la bandana chiodata ma all'interno del suo cancello. Il tutto avviene in via Santo Stefano 1 a Pallanza, e nonostante i reiterati inviti l'energumeno non ha voluto recedere dal suo intento e per questo motivo in via preventiva il presidente di AIDAA Lorenzo Croce ha firmato una denuncia che sarà inviata nei prossimi giorni alla procura della repubblica di Verbania, corredata di fotografie contro il signor Rifici per i reati di maltrattamento di animali e violenza privata. 

PALERMO. ORA SI MUOVA LA CORTE DEI CONTI

Palermo (9 agosto 2017) Dopo che il tribunale ha dato torto al comune di Palermo, togliendo i cani alla  trafficante Chiara Notaristefano ed indagando per irregolarità procedurali due dirigenti di primo piano del comune di Palermo, l'AIDAA torna all'attacco per chiedere una accelerazione dell'inchiesta della Corte dei Conti alla quale l'associazione animalista-ambientalista si era rivolta alla Corte dei conti siciliana  lo scorso 30 marzo 2017 con un esposto per chiedere che si fosse fatta chiarezza sulla vicenda del bando di assegnazione dei cani del canile di Palermo all'AVIAC l'associazione che fa capo alla Notaristefano ed al suo convivente. Lorenzo Croce presidente AIDAA ha infatti questa mattina inviato una lettera proprio per chiedere di essere sentito su questa vicenda."Sono passati cinque mesi- ci dice Croce- e dopo il pronunciamento della magistratura ordinaria, speriamo si muova quella amministrativa,noi abbiamo segnalato tutto, chiediamo di essere sentiti  per fornire le informazioni in nostro possesso, secondo noi - conclude Croce- non solo i dirigenti hanno fatto un bando-truffa ma lo hanno fatto con l'avvallo del sindaco e con danni erariali in previsione per il comune stesso, per questo chiediamo che ci si muova".

il link originale



VOGLIONO UCCIDERE L'ORSA Kj2

Trento (9 agosto 2017) - Ora che si è sparsa la notizia che la seconda orsa, che nelle scorse settimane era stata catturata, narcotizzata e radiocollata era proprio l'orsa Kj2 i rischi che questa orsa venga abbattuta sono concreti proprio in base all'ordinanza emessa (e impugnata dalla Lac) da parte del presidente della provincia di Trento Ugo Rossi che con l'avvallo del ministro dell'Ambiente Gianluca Galletti non ha ancora revocato l'ordine di cattura e successivo possibile abbattimento (anche se chiamato eufemisticamente rimozione) della stessa orsa in quanto considerata pericolosa. "Abbiamo timore per la vita dell'orsa Kj2 e per la sua incolumità- ci dice Lorenzo Croce presidente di AIDAA- ora che è confermato che l'orsa a cui hanno applicato il radiocollare la scorsa settimana è proprio lei i rischi che la stessa venga abbattuta magari senza rendere pubblica la notizia è dietro l'angolo, il caso di Daniza insegna che di questi qui non ci si può fidare". AIDAA ha confermato di aver inviato alla procura di Trento la denuncia contro il settantenne che lo scorso 22 luglio aggredi l'orsa a colpi di bastone e il presidente chiede a gran voce di essere sentito in tempi rapidi:"Voglio che mi interroghino in tempi rapidi- conclude Croce- per poter dare le informazioni in mio possesso al fine di scagionare definitivamente l'orsa accusata ingiustamente di aver aggredito un cretino che voleva prenderla a bastonate dopo aver invaso il suo territorio". 

martedì 8 agosto 2017

AIDAA DONA 140 KG DI CROCCHE AI CANI DELLE CAVE DI TIVOLI

Queste foto rappresentano un carico di 140 kg di Crocchette che abbiamo comperato e regalato grazie alle vostre donazioni ai cani delle cave di Tivoli e Guidonia, che potranno cosi mangiare tranquillamente per i prossimi giorni. Quasi finita la battaglia per il cibo dei cani clochard ci stiamo prodigando per aiutare gli altri cani (e anche gatti) che fanno parte delle nostre strutture o che sono seguite dai nostri volontari. Questo è il primo giro... per cui debbo ringraziare molti di voi. 

TORNANO A CASA I CANI DI PALERMO. INDAGATO IL DIRIGENTE MARCHESE


La procura di Palermo ha aperto un’indagine sullo svuotamento del canile municipale di via Tiro a Segno. Indagati per abuso d’ufficio il dirigente del comune di Palermo Gabriele Marchese, capoarea del settore sanità e diritti degli animali e Claudio Tedesco responsabile del canile municipale. Con i due funzionari comunali la procura di Palermo ha indagato per lo stesso reato anche Antonio Capizzi e Chiara Notaristefano, presidente e amministratore di fatto dell’associazione di volontariato Aivac.
L’inchiesta riguarda l’affidamento (con incentivo di 480 euro per ogni animale) di 32 cani del canile di via Tiro a Segno all’Aivac, che ha scatenato la protesta delle associazioni animaliste lo scorso fine marzo. I 32 cani sono stati sequestrati dai militari del corpo forestale nella sede dell’associazione a Ragusa. Secondo gli inquirenti coordinati dal sostituto procuratore Maria Forti c’era il fondato rischio che questi 32 esemplari venissero rivenduti o sparissero nel nulla. Per questo motivo il gip di Palermo ha autorizzato il sequestro preventivo.
Tra le associazioni che hanno presentato esposti e denunce anche AIDAA che si costituirà parte civile in un eventuale procedimento penale. 

LUGLIO. 700 MULTE PER I CANI IN SPIAGGIA

LUGLIO. IN CALO LE MULTE PER I CANI IN SPIAGGIA

Roma ( 8 agosto 2017) - Sono in calo le multe legate al divieto di portare i cani in spiaggia. Nel mese di luglio sono state 708 le multe elevate ai turisti che si sono recate con i cani in spiagge non autorizzate rispetto alle 1200 del luglio 2016. . In particolare le multe sono state elevate sulle spiagge siciliane, della Sardegna e del litorale Laziale e in toscana.  Lo scorso anno complessivamente sono state circa 5000 le multe elevate con una media di 200 euro a multa delle quali pagate nell'88% dei casi. Questa estate le multe variano dai 50 euro della toscana fino ai 500 euro per le violazioni sulle spiagge della Sardegna

lunedì 7 agosto 2017

TOPI MORTI AVVELENATI NEL CENTRO DI MILANO

Topi morti in diverse parti del centro storico di Milano (questo lo abbiamo fotografato oggi alle 14 in piazza Beccaria ditro il comando della polizia locale. Topi morti e non raccolti a causa del veleno, questo presenta anche una specie di morso. Le derattizzazioni sono degli errori storici, infatti il topo dopo aver ingerito il veleno ai primi sintomi di malore lascia il boccone che potrebbe essere mangiato dai cani. e questi topi erano li da alcuni giorni...


PALLANZA. LA POLIZIA LO DIFFIDA MA LUI SE NE FREGA

dopo la nostra segnalazione di stamattina (vedi post qui sotto) ho ricevuto la risposta via mail della polizia locale di Verbania che ha diffidato il personaggio dal tenere i chiodi sulla cancellata, questo per tutta risposta li ha messi all'interno... mah... risegnalato.



LA PRIMA SEGNNALAZIONE

RANDAGISMO. ABBANDONI GIU DEL 38%

Roma (7 agosto 2017) - Nel mese di luglio sono entrati nei 100 canili monitorati da AIDAA 6.345 cani rispetto ai circa 10.300 dello stesso mese dello scorso anno con una diminuzione del 38%. I dati migliori riguardano le regioni del nord in particolare in Trentino, Friuli e Valle d'Aosta dove si registrano punte di minore entrata nei canili che toccano il 66%. Situazione invece stazionaria nelle regioni del centro e sud Italia dove le entrate in canile sono calate di poco. Come specifica AIDAA si tratta ovviamente di dati parziali che riguardano circa il 10% del totale dei canili e rifugi italiani i numeri si riferiscono ai cani entrati in canile per accalappiamento esclusi quelli ridati ai proprietari che ne avevano denunciato la fuga.